Menu

Nuovo Conto Termico 2.0

Le principali informazioni sull'incentivo.

Conto Termico 2.0

Di In Settore Energia e Rinnovabili, Normativa Il 11 marzo 2017


Entità incentivi e scopi

Il Ministero dello Sviluppo Economico, tramite il GSE, ha presentato un programma di incentivi per le PA e i Soggetti Privati finalizzato al sostegno alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili e agli interventi di efficienza energetica;

il MiSE ha stanziato 900.000.000 € annui, di cui 200 Mln destinati alla PA.

Obiettivi del Conto Termico:

  • migliorare le prestazioni energetiche e ridurre i costi dei consumi
  • recuperare in tempi brevi parte della spesa sostenuta
  • consentire alle PA di esercitare il loro ruolo esemplare previsto dalle direttive sull’efficienza energetica
  • contribuire a costruire un “Paese più efficiente”
  • Sensibilizzare le PA sull’importanza delle DE.

Destinatari

Le Amministrazioni Pubbliche (PA) ai sensi del d.lgs. 165/01 inclusi gli I.A.C.P., nonché le Società a patrimonio interamente pubblico e le cooperative di abitanti iscritte all’Albo nazionale delle società cooperative edilizie di abitazione e dei loro consorzi.

I Soggetti Privati intesi come persone fisiche, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa o di reddito agrario.

GLI INCENTIVI

Gli incentivi saranno regolati da contratti di diritto privato tra il GSE e il Soggetto Responsabile e saranno corrisposti dal GSE nella forma di rate annuali costanti della durata compresa tra 2 e 5 anni, a seconda della tipologia di intervento e della sua dimensione, oppure in un’unica soluzione, nel caso in cui l’ammontare dell’incentivo non superi 5.000€.

Gli incentivi del CT 2.0 non sono cumulabili con altri incentivi statali, fatti salvi i fondi di rotazione, i fondi di garanzia e i contributi in conto interesse.

Alle PA è consentito il cumulo degli incentivi con incentivi in conto capitale, anche statali, nei limiti di un finanziamento complessivo massimo del 100% delle spese ammissibili.

Interventi riservati alle PA

  • coibentazione pareti e coperture
  • sostituzione serramenti
  • installazione schermature solari
  • trasformazione degli edifici esistenti in “Edifici a energia quasi zero” (nZEB)
  • illuminazione d’interni
  • tecnologie di building automation
  • Sostituzione di impianti esistenti per la climatizzazione invernale con impianti a più alta efficienza come le caldaie a condensazione

Interventi riservati ai soggetti privati e alle pa

  • Sostituzione di impianti esistenti con generatori alimentati a fonti rinnovabili:
    • pompe di calore, per climatizzazione anche combinata per Acqua Calda Sanitaria
    • caldaie, stufe e termocamini a biomassa
    • sistemi ibridi a pompe di calore
  • Installazione di impianti solari termici anche abbinati a tecnologia solar cooling per la produzione di freddo

Modalità e procedure attuative del Programma di sostegno.

Il programma di accesso può avvenire secondo due modalità:

  • Accesso Diretto:

    per gli interventi realizzati dalle PA e dai soggetti privati, la richiesta deve essere presentata entro 60 giorni dalla fine dei lavori.

E’ previsto un iter semplificato per gli interventi riguardanti l’installazione di uno degli apparecchi di piccola taglia (per generatori 35 kW e per sistemi solari 50 mq) contenuti nel Catalogo degli apparecchi domestici, aggiornato periodicamente dal GSE;

  • Tramite prenotazione:

    modalità riservata alle PA che comporta l’erogazione di un primo acconto all’avvio e il saldo alla conclusione dei lavori.

Le PA possono presentare la scheda-domanda a preventivo, qualora si verifichi una delle seguenti condizioni:

  1. A) la presenza di una Diagnosi Energetica e un atto amministrativo attestante l’impegno alla realizzazione di almeno un intervento tra quelli indicati nella Diagnosi Energetica;
  2. B) la presenza di un contratto di prestazione energetica stipulato tra la PA e una ESCO;
  3. C) la presenza di un provvedimento o atto amministrativo attestante l’avvenuta assegnazione dei

lavori con il verbale di consegna dei lavori

Spese ammesse – Tipologia e intensità dell’incentivo:

  • Fino al 65% della spesa sostenuta per gli nZEB;
  • fino al 40% per gli interventi di isolamento di muri e coperture, per la sostituzione di chiusure finestrate, per l’installazione di schermature solari, l’illuminazione di interni, le tecnologie di building automation, le caldaie a condensazione;
  • fino al 50% per gli interventi di isolamento termico nelle zone climatiche E/F e fino al 55% nel caso di isolamento termico e sostituzione delle chiusure finestrate, se abbinati ad altro impianto (caldaia a condensazione, pompe di calore, solare termico, ecc.);
  • anche fino al 65% per pompe di calore, caldaie e apparecchi a biomassa, sistemi ibridi a pompe di calore e impianti solari termici;
  • il 100% delle spese per la Diagnosi Energetica e per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) per la PA e il 50 % per i soggetti privati, con le Cooperative di abitanti e le Cooperative sociali.

Procedure per l’erogazione del finanziamento:

La richiesta operativa degli incentivi in accesso diretto deve avvenire tramite l’apposito applicativo informatico Portaltermico, attraverso il quale i soggetti, entro 60 giorni dalla data di conclusione dell’intervento, potranno compilare e inviare la documentazione necessaria per l’ammissione all’incentivo.

16-06_Nota Tecnica Conto Termico


Circa l'Autore

Ing. Mauro

About Skins

Mauro Cutini
Ingegnere per l'Ambiente e il Territorio

 

Esperto Gestione Energia certificato UNI 11339 ed Energy Manager

Servizi di ingegneria per l‘Energia , l'Edilizia e l’Ambiente

Tecnico Acustica  Ambientale

Sicurezza sul lavoro

Pre-made skins